Pesca OnLine.com

DRAVA

La Drava nasce in Italia per emigrare subito in Austria e poi gettarsi nel Danubio. In Carinzia è stata ottimamente canalizzata (nel senso che quasi non si nota) per costruire delle grosse centrali idroelettriche. A monte di esse si formano dei laghi e a valle torna il fiume. Si pesca nel fiume che è largo 100 e passa metri e ha una forte corrente specie al centro dove stazionano grossi barbi. Altri pesci fortemente presenti (con possibilità di "cestini" abnormi ...) sono Breme fino a 3-4 kg, Nasen di media sul 1.3 kg. Il cavedanone da 2 kg si cattura quasi sempre e nella giornata vengono al guadino pesci inusuali per il pescatore a bigattino come Temoli, Salmerini Alpinus, coregoni, trote fario e iridee, pighi. Ottima la pesca a ledgering (con pasturatori anche di 200 gr per i barbi) e quella a passata. In Austria la pesca è tutta PRIVATA e quindi bisogna trovare qualcuno che abbia i permessi per la zona in cui si intende pescare. Anche perchè la vigilanza è frequente e i guardiapesca piuttosto intransigenti. Che mi risulti l'unico italiano che abbia i permessi è il signor Gargantini che gestisce anche un Hotel a 10 Km da Klangefurt la capitale della Carinzia. Vedere il suo sito (www.adrianogargantini.it) per maggiori info se la cosa interessasse..

 

Condividi questo articolo